Regolarizzazione Fabbricati Rurali

Stanno arrivando in questi giorni le lettere dell’Agenzia delle Entrate (Catasto) per la regolarizzazione dei fabbricati rurali.
I fabbricati rurali sono costruzioni che non hanno rendita, e per questo la legge Salva Italia (L. 214/2011) prevedeva che tutti i fabbricati rurali dovessero essere isritti al catasto terreni, ed avere una propria rendita.
La legge dava tempo fino al 30 Novembre del 2012 per regolarizzare tutte le proprietà.
Naturalmente tutto ciò non è accaduto, complice anche la poca pubblicità che è stata fatta alla norma, e soprattutto per questo continuo uso ti tecnicismi e burocratese, che a meno di non essere un tecnico, difficilmente viene capito e correttamente interpretato.
Quindi si, anche la piccola baracca che avete nell’orto potrebbe essere considerata un fabbriato rurale, e come tale va regolarizzato.
Fortunatamente l’Agenzia del Territorio ha dato modo tramite il ravvedimento operoso di correre ai ripari, andando a pagare una multa che diventa un sesto di quella prevista.
Per fare ciò è comunque necessario affidarsi ad un tecnico che dovrà procede all’aggiornamento cartografico (PREGEO) ed al susccessivo aggioranmento al Catasto Fabbricati tramite procedura DOCFA (cosìddetto accatastamento).
In caso di inadempienza da parte dell’interessato, sarò l’Agenzia del TErritorio a procedere a propria cura a tutto l’iter procedurale, rimettendo poi il conto al proprietario, con annesse sanzioni ed aumenti vari.

Presso lo Studio Tecnico Pellegrinetti ed Associati, studio con oltre 40 anni di esperienza nel campo del Catasto, potrete avere tutte le informazioninecessario all’espletamento delle pratiche.

Contattateci per un appuntamento al numero 0566 210000.

You must be logged in to post a comment.